Bistecchiere per tutte le tasche, fasce di prezzo

Per chi ama le cotture senza grassi la bistecchiera è la soluzione migliore, da utilizzare sul fornello al pari di una comune padella, ma molto più vantaggiosa proprio perché aiuta a mangiare sano. Se il dubbio riguarda il prezzo, si può dire che la spesa dipende innanzitutto dal tipo di bistecchiera. Ce ne sono molte in commercio, da quella elettrica al modello in pietra o in ghisa, elencate sul sito www.migliorebistecchiera.it. I migliori articoli in commercio hanno prezzi diversi, anche in base alle marche, ma in linea di massima si può dire che si parte da un costo medio base di circa 20 euro per le bistecchiere rivestite in pietra fino a 60, 70 euro per quelle in ghisa o anche di più se si sconfina nel reparto dei modelli professionali.

Per fare un esempio, una bistecchiera Alluflon in pietra hardoise con fondo in alluminio spesso 4 mm, antiaderente e ideale per cotture leggere, con manico ergonomico in bakelite è acquistabile su Amazon al prezzo lancio di 24,90 euro. L’unico ‘neo’ è che non funziona su piani di cottura a induzione. Per modelli più evoluti si consigliano le bistecchiere elettriche Rowenta a tre posizioni di cottura e wattaggio di 2000w, con due piastre apribili tipo barbecue, in vendita a 85,99 euro. Data la possibilità di affiancare le piastre si possono raddoppiare le porzioni di carne, pesce o verdura per cotture a puntino, favorite dalla presenza di scanalature che raccolgono i grassi. Una bistecchiera di qualità versatile nell’uso che risulta semplice nonostante le ottime prestazioni del prodotto che rientra in una fascia qualitativa medio-alta.

Con le bistecchiere si possono cucinare un’enorme quantità di cibi senza per forza doverli cuocere alla brace di un barbecue o del camino, tantopiù che l’esborso per l’acquisto di un modello basico è davvero irrisorio, trattandosi di poche decine di euro. Da decidere se si preferisce una bistecchiera tradizionale da fiamma o una elettrica. Le prime sono più convenienti e meno ingombranti, mentre le bistecchiere elettriche, per quanto più simili come tipologia a un barbecue domestico, presentano lo svantaggio di consumare energia essendo alimentate a cavo, pur cuocendo in modo più veloce e omogeneo sfruttando l’azione del calore che arriva dall’alto e dal basso. Se si opta per una bistecchiera elettrica verificare sempre il wattaggio che ad uso domestico si attesta fra gli 800 e i 2400 watt.