Lavatrici Beko: migliori modelli ‘slim’ del 2020, info e prezzi

Si ha bisogno di una lavatrice nuova, ma non si sa quale comprare? Se si è single o in due le ‘slim’ di Beko possono fare al caso vostro. Perché? Per tre motivi fondamentali: la qualità, la classe energetica e il prezzo. Iniziamo a esaminare la prima, garantita dalla reputazione di un’azienda rinomata nel mondo per i suoi elettrodomestici di eccellenza a basso costo. Basta dare una sbirciatina al catalogo della compagnia per rendersi conto del vasto assortimento di lavatrice per ogni necessità. Per avere un’idea dei modelli Beko basta guardarli per capire che hanno una marcia in più. Struttura solida, design pulito e minimalista, display ricco di informazioni sui programmi e i tempi di lavaggio, oblò intuitivo con chiusura a scatto e ‘silhouette’ da poter entrare anche in un angolino senza rompere gli equilibri dell’arredo domestico.

Le ‘slim’ Beko supportano un carico fino a 6 chili e una centrifuga fino a 1000 giri al minuto, sono dotate di un meccanismo per il dosaggio del detersivo, senza sprechi, e della funzione ‘Pet Hair Removal’ utile per chi ha animali in giro per casa perché si avvale di un prelavaggio e risciacquo aggiuntivo che grazie a dei movimenti di distensione delle fibre libera dai peli i capi lavati. Altro asso nella manica delle piccole Beko è la riduzione dei consumi energetici garantiti dalla classe A+++, la più efficiente per tagliare i costi in bolletta. Sommati questi pregi e andando a vedere il costo, che si aggira sui 225 euro, si capisce il motivo per cui le Beko sono tra le lavatrici più vendute e ricercate anche per la quantità di programmi, fino a 15.

Fra quelli più comuni troviamo l’opzione classica per indumenti in cotone e sintetici e un particolare programma per la lana, garantito da Woolmark. Ci sono, poi, i programmi ‘anti-pieghe’ per camicie, quelli per lavare i piumoni e l’ultra-rapido che si esaurisce in mezz’ora. Nelle lavatrici Beko si può anche impostare la funzione di lavaggio con avvio ritardato, ma il jolly della casa è la tecnologia Aquafusion, un esclusivo meccanismo che permette di chiudere nella fase iniziale il tubo di scarico per limitare lo spreco di detergenti assicurando nel contempo un pulito più profondo. L’unica lamentela che arriva dai consumatori è il livello di rumorosità, soprattutto in fase di centrifuga che fa schizzare i decibel alle stelle.